Gli attacchi di panico

L’attacco di panico è una manifestazione psicofisiologica parossistica di paura.

Si può ragionevolmente immaginare che tutti conoscano e abbiano provato nell’arco della vita un’esperienza di panico, con la urgente necessità di scappare ma rimanere bloccati, incapaci di reagire, sopraffatti dal terrore.

L’attacco di panico può trovare spiegazione e giustificazione nel contesto umano e ambientale dove si verifica: la persona che manifesta questa emozione travolgente e incontrollata sente di reagire a qualche sollecitazione ambientale spaventosa o ad una sollecitazione psichica interna, improvvisa ma riconoscibile, costituita da un elemento cognitivo (un pensiero, un ricordo, ecc.), subito associato ad un affetto o ad un’emozione dirompente.

Ma l’attacco di panico può apparire incomprensibile ed inaccettabile perfino a chi lo sta vivendo, che spesso dichiara di sentire una grande paura senza motivo; può sentire di venir meno, di svenire, di impazzire, avere la sensazione di una morte imminente ed improvvisa.

Le manifestazioni corporee che si associano a questi vissuti terribili sono tipici della fisiologia umana della paura panica -palpitazioni, respiro corto o bloccato, costrizione alla gola e al petto, sudore freddo, gambe molli, stato confusionale, ecc. - e sono l’espressione di un’attivazione massiccia del sistema nervoso autonomo.

Questa reazione tipica è l’espressione di un meccanismo e di un comportamento, geneticamente determinati, deputati alla sopravvivenza dell’individuo, che si attivano apparentemente in modo immotivato.

Quando gli attacchi di panico non sono episodi isolati nella vita di una persona ma si presentano in modo reiterato e imprevedibile, condizionandola significativamente, si tratta di una forma psicopatologica denominata sindrome o disturbo da attacchi di panico.

Talvolta gli attacchi di panico si presentano clinicamente insieme ad agorafobia (paura specifica per gli spazi grandi e aperti) o ad altri quadri clinici come per esempio gli stati depressivi.

In tutti questi casi è opportuno intervenire con una psicoterapia che può risultare efficace e risolutiva e a cui può essere associata opportunamente una terapia farmacologica mirata a ridurre la sintomatologia.

Mi occupo di

  • Ansia
  • Adolescenza
  • Attacchi di panico
  • Depressione
  • Fobie
  • Disturbo ossessivo compulsivo
  • Psicoterapia di coppia
  • Psicoterapia di gruppo
  • Borderline e Narcisismo
  • Somatizzazioni e ipocondria
  • Disturbi del comportamento alimentare
  • Traumi

Dott. Marco Petralia - Psicologo Psicoterapeuta Latina
Piazzale Natale Prampolini, 1 - Latina - marcopetralia.mp@libero.it | privacy

PI: 01894430683 | Iscrizione all'Albo N°3438 1993 Lazio.

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi o di automedicazione.
I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento.
La visita medica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

©2017 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà del Dott. Marco Petralia
Ultima modifica: 27/01/2017